AGRO ALIMENTARE

Lo sviluppo delle malattie di origine alimentare, per lungo tempo poco considerate, ha portato ad approfondirne lo studio e a stabilire un collegamento tra gli alimenti e diverse tossinfezioni e patologie.
 

Come risposta alle esigenze di maggiore controllo e qualità nella sicurezza e igiene degli alimenti sono nati diversi strumenti normativi, sia cogenti che volontari, rivolti non solo al prodotto, ma anche ai processi produttivi e all’organizzazione delle aziende che operano nel settore alimentare.

 


Nel seguito gli strumenti normativi principali:
 

  • Pacchetto igiene (Reg. CE 852/2004, Reg. CE 853/2004, Reg. CE 854/2004 e Reg. CE 882/2004) concernente l’igiene della produzione degli alimenti e dei controlli sanitari applicati;

  • Reg. CE n. 178/2002 (principi e requisiti generali della legislazione alimentare e procedure);

  • Reg. UE n. 1169/2011 circa le informazioni obbligatorie sugli alimenti da fornire ai consumatori;

  • Regolamento CE n. 2073/2005 (Criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari).

  • ISO 22001 “sistemi di gestione della sicurezza nel settore agroalimentare”

  • Normative di settore per i prodotti alimentari biologici

 

XL Team può fornire servizi di consulenza in materia di igiene degli alimenti, per supportare l’applicazione degli strumenti normativi, tra i quali:
 

  1. Audit interno iniziale sull’applicazione della normativa in materia di igiene alimentare

  2. Supporto alla stesura della documentazione (pratiche, manuali, procedure, …)

  3. Consulenza tecnica, normativa e organizzativa

  4. Erogazione corsi di formazione personalizzati (operatori del settore alimentare, responsabili dell'autocontrollo, per la gestione di diete speciali, es. celiachia, …)

 
Settori di intervento

  • Industrie di ricezione, trasformazione, distribuzione alimenti (titolari e responsabili delle imprese) e GDO

  • Ristorazione

  • Produttori di macchine e attrezzature alimentari

  • Aziende di servizi (con attività di somministrazione di alimenti)


Vantaggi

  • Sicurezza su tutte le tappe della filiera alimentare circa la correttezza delle operazioni eseguite e conseguente incremento dell’efficienza dei processi.

  • Comunicazione della garanzia che l’impresa fornisce ai consumatori, attraverso la tutela e la salubrità  degli alimenti

  • Riduzione delle potenziali condizioni di rischio di intossicazione alimentare, tossinfezione

  • Migliorare le relazioni con le autorità preposte alla vigilanza in materia di sicurezza alimentare.